Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Massimo Troisi: Vita morte e miracoli di un santo contemporaneo | Beccogiallo

Massimo Troisi: Vita morte e miracoli di un santo contemporaneo | Beccogiallo

+++ ++

Se nonostante il conto alla rovescia verso l’asfissia del Natale imminente volete prendere ancora qualche boccata d’aria, consigliamo la lettura di un fumetto dedicato ad un incredibile artista: Massimo Troisi, Vita morte e miracoli di un santo contemporaneo edito da Beccogiallo.


Albo che va al di là del tempo e dello spazio, muovendosi fluidamente tra anni ed anni nello spazio di poche pagine, Vita morte e miracoli di un santo contemporaneo (ma miracoli pochi, che so’ complicati) racconta nel corso di 3 atti/capitoli le tappe fondamentali della vita di uno dei più grandi attori partenopei mai vissuti: Massimo Troisi.
Il volume, si apre sbattendo in faccia al lettore un senso di perdita profondo, quello che si prova trovandosi a fronteggiare la scomparsa prematura di una persona cara, impersonata in questo caso non solo appunto da Troisi ma anche dal padre di Ugo, il ragazzo che racconta tutta la storia.

“Mia madre mi disse che aveva messo troppo cuore in quello che faceva e lentamente lo aveva consumato” 
. 
Il trait d’union tra i due personaggi è proprio questo: le persone che mettono il cuore in quello che fanno si somigliano un po’ tutte nell’animo e, agli occhi di un giovane Ugo, Troisi e il padre, scomparsi entrambi prematuramente per problemi al cuore, diventano la stessa persona.

L’albo, composto da 160 pagine sceneggiate da Tommaso Vitiello ed illustrate da Luca Albanese, svela un Troisi dolce, timido, esuberante ma riservato allo stesso tempo, un Troisi perennemente controcorrente che, al contrario degli attori che lo circondano, porta sul palco un unico inestimabile personaggio: se stesso. Il ritmo della storia è scandito da un costante “TU-TUM”, che si ripresenta nel corso di tutto il volume ed è  monito ricorrente di quanto l’attore sia qualcuno di cuore e contemporaneamente maledetto dal cuore. 
Le illustrazioni hanno uno stile imperfetto e volutamente “sporcato”, ho amato le tonalità dei colori un po’ desaturate, che danno quella sensazione di pellicola invecchiata e un po’ retrò, in linea con il taglio di tutto il fumetto. 

I tre capitoli/atti, rivelatori di quella presenza ingombrante all’interno del fumetto che è il teatro, raccontano la storia dell’attore ma anche il profondo legame che Ugo prova verso Troisi.
Il legame verso quell’attore che a chiunque abbia avuto a che fare con lui ha lasciato un pezzo del suo cuore e a cui ancora adesso, nonostante siano passati parecchi decenni dalla sua scomparsa, vengono dedicati albi a fumetti, perché viva per sempre attraverso la memoria di tutti noi.

Autore Testi: Tommaso Vitiello

Autore Disegni: Luca Albanese

Titolo: MASSIMO TROISI Vita, morte e miracoli di un santo contemporaneo (ma miracoli pochi che so’ complicati)

Editore: BeccoGiallo | Fumetti

Anno di pubblicazione: Giugno 2020 

Prezzo di copertina: 18,00 €

Pagine:  160

© Nadia Caruso

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS