Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Louise Weseth | Woodlands

Louise Weseth | Woodlands
Dalla lontana Norvegia arriva l’EP Woodlands, primo lavoro di Louise Weseth per A Modest Proposal Records. La cantautrice indie folk, con grazia e delicatezza, apre le porte ad atmosfere dreamy e a immensi spazi sonori in puro stile nord europeo. Una vera perla di bellezza.

parole di Fiorella Vacirca

+++++

Il mio cuore si riempie di gioia ogni volta che della musica arriva dal Nord Europa a graziarci con le sue note che, diciamo la verità, se giungesse da qualunque altro luogo non avrebbe quel suono, quella atmosfera, quella capacità di incantare e sedurre.
Questo è anche il superpotere di Louise Weseth, cantautrice indie folk norvegese, che con il suo EP Woodlands fa il suo ingresso ufficiale nel mondo della musica.
Uscito in Italia per A Modest Proposal Records a inizio febbraio 2022, Woodlands si snoda in 5 brani magici e incantevoli, scritti e prodotti dalla stessa artista fra il 2018 e il 2020, dall’atmosfera soft dreamy e dai grandi spazi sonori.

Quello che colpisce di Woodlands è il modo in cui è stato pensato e costruito, con la parte melodica e musicale ridotta al minimo, in un efficace stile minimal ben regolato che lascia pieno campo d’azione alla voce di Louise Weseth, la sua particolare delicatezza controllata fa da traghetto all’immaginazione che ha lo spazio per correre libera negli immensi boschi norvegesi.

Non esagero se dico che questo EP è un ottimo esempio di come sia possibile costruire paesaggi musicali che vanno a pescare dall’immaginario comune: Take Me Somewhere, il brano di apertura, evoca passeggiate fra gli alberi, lunghi percorsi emotivi alla ricerca di risposte (o di domande) più personali e intime.

Ascoltando Woodlands non è possibile fare altro che perdersi e sognare a occhi aperti, perché questo è quello che fa la musica quando è spontanea, bella e delicata, quando è in grado di scavare la superficie per riportare alla luce emozioni e sensazioni sopite. Weseth lo fa benissimo e senza pretese, usando il suo talento naturale: non stupitevi se vi troverete ad ascoltare in loop il suo primo EP.

Woodlands è un raggio di sole che filtra fra gli alberi e rischiara la nebbia, in puro stile nord europeo.

Brani migliori: Woodlands, Tonight We’ll Dream the Same Dream



Ascoltalo su Spotify
Ascoltalo su Amazon Music
Tracklist

Take Me Somewhere
Moon
Retrograde
Woodlands
Tonight We’ll Dream The Same Dream

Crediti
Testi e musica: Louise Weseth
Mix e master: Daniel Hesby Hansen

Con la partecipazione di:
Theodor Dalseth: batteria in "Woodlands"
Audun Jørstad Lillekjendlie: piano in "Woodlands"
Haakon Kjeldsberg: basso in "Woodlands"
Amelia Thornton: violino e viola in "Woodlands" e violino e mandolino in "Moon"
Haakon Kjeldsberg: chitarra acustica addizionale in "Retrograde"
Tommy Gulbrandsen: batteria in "Take me Somewhere"
Kaspar Kaae: synth in "Take me Somewhere"


Ti è piaciuto questo articolo? Dacci una mano! Il tuo aiuto ci consente di mantenere le spese di questa piattaforma e continuare a diffondere l'arte.
L'associazione si sostiene senza pubblicità ma soltanto con le tessere associative e l'impegno dei soci.
I Link verso i canali di vendita sono inseriti al solo scopo di agevolare gli utenti all'acquisto.
Sottoscrivi la tessera associativa con una piccola donazione su PAYPAL
Oppure puoi offrirci un caffè.

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS