Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

#crunch76 | Melissa Falconi

#crunch76 | Melissa Falconi

"Say, <I forgive you. I forgive myself.> now watch your chains break." Segovia Amil

Melissa Falconi mozza il fiato per l'abilità artistica, la tecnica e l'uso che fa della sua ispirazione. Guardando le sue illustrazioni è facile perdersi in un mondo da fiaba, fatto di creature magiche e bellissime. Mettetele in mano dell'inchiostro o dei pennelli oppure dei colori e vi solleverà l'intero Pianeta Terra.

Ciao Melissa e benvenuta tra i morsi quadrati!
Parlaci di te, quando hai cominciato a disegnare e cosa ti ha spinto a farlo?
Ciao e grazie a voi!
Dunque, non so bene quando il tutto è iniziato, è una passione che penso sia nata assieme a me. Da bambina, mia madre mi regalava tutte le sue agende e notebook e mi portava a casa dall'ufficio migliaia di fogli stampati che sarebbero stati destinati alla spazzatura per far sì che potessi imbrattarli con i miei amati acquerelli e pastelli. Con gli anni ho cercato di aguzzare il mio spirito di osservazione per imparare a migliorarmi ogni giorno e questa passione era diventata il portale del mio mondo fantastico. E ora eccomi qui, appassionata come sempre ma con la sola differenza che la mia mente, un tempo spensierata, ora è piena di idee nel caos in cerca di ordine e realizzazione!

Inchiostro, pittura, disegni a mano ma anche computer e tecniche digitali. Che tipo di approccio preferisci, in quale ti senti più a tuo agio?
Ho sempre adorato le tecniche tradizionali, in particolare inchiostri e acquerelli, finché un natale di qualche anno fa mi fu regalata la mia prima tavoletta grafica e da quel momento mi si è aperto un mondo incredibile! Ho potuto sbizzarrirmi con migliaia di stili diversi e pennelli di ogni genere e quindi per un lungo periodo ho quasi abbandonato il tradizionale. Solo ultimamente sono tornata a utilizzare i pennelli per imbrattare qualche tela con acrilici o a fare qualche sketch con varie tecniche, ma sia il digitale che il tradizionale danno risultati e soddisfazioni diverse ma tutte allo stesso modo tantissimo interessanti! 

C’è un autore in particolare che ha illuminato o che ancora illumina le tue opere? In altre parole, c’è un artista, uno scrittore che ti stimola a mordere la vita?
Vengo ogni giorno travolta da nuovi artisti incredibili e di volta in volta cambio il mio "stile" di disegno che ancora probabilmente è da definire. Però in mezzo a questo mare di bellezza ho iniziato a ispirarmi inizialmente ad artisti come Antonio De Luca e Paolo Barbieri per il realismo e il fantasy (di cui sono sempre stata appassionata) per poi arrivare oggi ad una delle mie artiste preferite ed ispiratrici soprattutto per l'incredibile bellezza dei colori, Loish. Ma seguo sempre una marea di artisti italiani e non (che non sto a elencare altrimenti mi ci vorrebbe una giornata intera!) che mi danno tanta ispirazione e voglia di provare approcci nuovi nell'illustrazione e coi colori.

Domanda irrinunciabile per il palato di CrunchEd: qual è il tuo rapporto con la musica e quali vie sceglie per farsi strada fino ai tuoi disegni?
Beh, il mio rapporto con la musica credo sia di dipendenza! Sono sempre stata una drogata di musica, della serie che se mi fossi scordata il mio iPod a casa o mi si fosse scaricato durante un viaggio sarei potuta cadere in una crisi isterica.
Comunque ascolto quasi sempre musica durante gli attacchi di ispirazione e a volte determinati paesaggi o determinati scenari si sono fatti strada tra le mie idee durante l'ascolto musicale, che ultimamente è molto vario e non si può definire in generi precisi! 

È giunto il momento del “E se…”. E se… potessi lavorare su un adattamento di un romanzo che hai amato o che ti ha colpito (anche in negativo, perché no), quale sarebbe la tua scelta?
Bella domanda! Difficile rispondere perché durante la mia crescita ho avuto a che fare con talmente tanti generi diversi di autori e non ho mai avuto preferenze ben definite! Però resto sempre fedele al genere fantasy quindi se ne devo tirare fuori uno in particolare mi vien in mente il Silmarillion di Tolkien che decisamente sa come farti viaggiare con la mente!

Chiudiamo con un classicone e, intanto, ti ringraziamo per la disponibilità: progetti futuri? A cos’altro stai lavorando?
Sicuramente credo di dover continuare a imparare, migliorare e sperimentare, poi vedrò quale strada mi propone il futuro. Mi piacerebbe arricchire il mio portfolio e poter vendere online le stampe dei miei lavori, ma più di tutto mi vorrei buttare nell'illustrazione di storie e libri! Vedremo cosa la mia mente imparanoiata e confusionaria mi consiglierà!

È stato davvero un piacere rispondere alla vostra intervista e grazie per avermi dedicato uno spazio nel vostro bellissimo webzine!

Ciao Melissa e a presto!
Facebook
Instagram
Deviantart
Society6

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS