Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

#crunch194 | Ilaria Lazzarotto

#crunch194 | Ilaria Lazzarotto

Douglas Adams — 'God's Final Message to His Creation:'We apologize for the inconvenience.'

Ciao Ilaria e benvenuta tra i morsi quadrati! 
Noi di CrunchEd siamo molto affamati di nuove storie e ci piacerebbe conoscere la tua. Quando hai cominciato a disegnare e cosa ti ha spinto a farlo? 
Ciao a voi e grazie mille per l'intervista!
Come tantissime persone che amano disegnare ho iniziato da piccola e fondamentalmente non ho mai smesso. Da bambina come oggi è una cosa che faccio perché mi diverte e in qualche modo concentrarmi su un progetto mi distrae, mi rilassa e fa passare il tempo più velocemente.


Ti va di spiegarci cosa ti ha portato a scegliere questa citazione da illustrare?
Durante questo anno, che è stato difficile per molti, mi è tornato in mente un particolare di "Addio, e grazie per tutto il pesce" di Douglas Adams, uno dei miei autori preferiti. È l'ultimo messaggio lasciato da Dio al creato, che recita "Ci scusiamo per il disturbo". Credo che sapere che Dio abbia deciso di scusarsi per quanto la vita sia un casino sarebbe confortante, o almeno si potrebbe attribuire in definitiva la colpa a qualcuno!


I tuoi lavori non hanno limiti tecnici, si muovono tra matite, acquerelli e pixel senza sforzo e mantenendo una loro identità comune. Hai una preferenza tra i vari supporti? Ti sei avvicinata alle varie tecniche in momenti diversi o hai sempre perseguito più percorsi visivi contemporaneamente?
Non penso di avere una preferenza tra le tecniche, ma magari ho dei periodi in cui sento che una mi calza meglio, poi per ogni soggetto, ogni obiettivo, mi viene naturale scegliere un supporto piuttosto che un altro.

Mi sono avvicinata al digitale al liceo, con la mia prima tavoletta grafica, poi quasi abbandonata per un paio di anni e recuperata durante l'università, periodo nel quale ho iniziato ad approcciarmi alla pixel art, ma non ho mai smesso di disegnare su carta. 


C’è un autore in particolare che ha illuminato o che ancora illumina le tue opere? In altre parole, c’è un artista, uno scrittore che ti stimola a mordere la vita?
Tutti e nessuno, ho preferenze a periodi. Quando guardo troppo quello che fanno gli altri finisco quasi per provare invidia per desiderare di poterlo fare anche io, ma non è una cosa possibile ne sana quindi cerco di osservare un po' tutti, magari di "rubare" qualcosa, ma senza avere un modello fisso. Tra gli autori che mi stanno accompagnando in maniera indiretta in questi anni direi sicuramente Andrea Serio, Anna Pirolli, John Bond, Andrea Antinori e Sophie McPike 


Come progetti uno shortfilm? Nascono in seguito a specifiche ispirazioni o sono espressioni momentanee a cui vuoi dare una forma? Ti permettono di esprimerti diversamente dalle illustrazioni o sono due facce della stessa medaglia? 
Parto da delle sensazioni, dalle atmosfere che mi piacerebbe ricreare, spesso ispirate da luoghi, ricordi, anche lavori di altri artisti. Ad esempio Per vie inesplorate (Through Unknown Paths) è stato sicuramente ispirato da Superbrothers: Sword & Sworcery, ma anche da alcuni paesaggi e colori che mi erano rimasti nel cuore visti in Sardegna, Toscana, e Croazia.

Una volta stabilito il tipo di emozione e sensazione che vorrei trasmettere butto tutto su carta, faccio schizzi, acquerelli, a volte quasi delle illustrazioni vere e proprie. Quindi penso che illustrazione e animazione per me partano come facce di una stessa medaglia, ma al momento credo che l'animazione possa permettermi di esprimermi in maniera più completa, il movimento e il suono vanno ad aggiungersi all'immagine completandola. Anche se ammetto che dovrei studiare meglio questo medium. 


Domanda irrinunciabile per il palato di CrunchEd: qual è il tuo rapporto con la musica e quali vie sceglie per farsi strada fino ai tuoi disegni?
Mi sento una grande ingorante in fatto di musica, non ne so molto esperta ma non ne farei mai a meno. Mi accompagna quasi sempre mentre lavoro, a volte tiene compagnia e aiuta a far passare il tempo e a non stare troppo ferma sulla sedia, altre è una vera e propria colonna sonora. Ad esempio mentre lavoravo al mio shortfilm ho creato una playlist apposita che mi aiutava ad entrare nel mood delle diverse scene. 


Chiudiamo con un classicone e, intanto, ti ringraziamo per la disponibilità: progetti futuri? A cos’altro stai lavorando?
Diversi progetti! È in arrivo un nuovo libretto su un animale un po' particolare, mi sto dedicando far crescere Manisinistre, il mio piccolo laboratorio, e spero di poterci ospitare presto qualche evento. E forse, piano piano, arriverà un altro corto animato!


Grazie a voi per l'occasione, alla prossima! Ilaria
e in bocca al lupo per tutto!

Instagram       
Portfolio

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS