Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

On Writing | Stephen King

On Writing | Stephen King

+++++

Ancora mi brucia tra le mani "On Writing" di Stephen King da quanto in fretta l'ho divorato.
“On Writing: autobiografia di un mestiere” del Re dell'horror Mister King, edito come prima edizione da Sperling&Kupfer nell'ottobre 2017, non è esattamente un manuale di scrittura creativa né un'autobiografia dell'autore, non solo almeno. È una serie di consigli e pratiche di scrittura dateci da King per cominciare o continuare la nostra carriera da scrittori.
Nel libro si trovano, infatti, sia un Curriculum Vitae in cui King spiega come è arrivato alla scrittura, sia una “cassetta degli attrezzi”: ciò che per lui non dovrebbe mai mancare nel bagaglio di uno scrittore, come ad esempio un vocabolario e la grammatica (Dio ci tolga gli avverbi e i passivi!).
Si trovano anche tanti consigli: come cominciare, come districarsi tra la trama, lo sfondo, le descrizioni, i dialoghi, i personaggi.
Insomma, cosa poter fare di tutto questo se si vuole scrivere. 

Una delle massime che ricorrono di più nel libro è “Se vuoi diventare uno scrittore, devi fare due cose soprattutto: leggere molto e scrivere molto”.
Per King la musa non esiste o, se esiste, è fugace e sparisce in una nuvola di fumo quando più le garba quindi non c'è da farci affidamento.
Ciò su cui si può contare, invece, è la propria forza di volontà nel continuare a scrivere.

King racconta il suo punto di vista di scrittore e lo fa con un'ironia che conquista, come d'altra parte tutti i suoi libri.
Parla di tutto e con franchezza: delle difficoltà e delle soddisfazioni, dalle marachelle con il fratello Dave e i periodici clandestini scolastici, al grande amore della sua vita, Tabitha, senza la quale forse Carrie non sarebbe mai uscita dal bidone della spazzatura.
Parla anche di dolore. La morte della madre prima e il suo incidente avvenuto nel 1999, proprio durante la stesura di questo romanzo, di come sia stato difficile riprendere a scrivere con una gamba fratturata in più punti nonostante gli antidolorifici, ma anche di come la passione e la voglia di buttare giù quelle tot di pagine al giorno lo abbiano spronato a finire il testo e a non smettere mai.
Tutto con passione e la costanza del giorno dopo giorno, pagina dopo pagina.
Dà consigli a chi è in cerca di appigli, non solo di scrittura, ma anche di lettura. Alla fine delle diverse edizioni, vi sono delle liste dei libri che più lo hanno coinvolto e, forse, ispirato. Lui stesso ammette di leggerne un'ottantina all'anno, ovviamente soprattutto romanzi, da lui prediletti.

"On writing" è una dichiarazione di come lo scrivere sia vita allo stato puro, non solo un mestiere.
“Scrivere è magia, acqua di vita, al pari di qualsiasi attività creativa. L'acqua è gratis. Forza, bevete".

Consiglio questa autobiografia non solo a chi si diletta di scrittura e può sicuramente trarne qualche spunto, ma anche a chi semplicemente ama leggere e vuole scoprire di più sul dietro le quinte della stesura di un libro.
Se avete amato un solo libro di Stephen King non potrete non amare l’uomo che si racconta attraverso queste pagine, in maniera così candida e senza mezzi termini.


Copertina flessibile:
283 pagine
Editore: Sperling & Kupfer (10 ottobre 2017)
Collana: Pickwick
Lingua: Italiano
Compra su: Amazon

 © Elisabetta Marini

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS