Venezia | Il leone, la città e l'acqua, di Cees Nooteboom

Venezia | Il leone, la città e l'acqua, di Cees Nooteboom
Venezia - Il leone, la città e l'acqua, di Cees Nooteboom

«...se uno non riesce a scrivere in un posto come questo può fare a meno di provarci da qualsiasi altra parte».
A quanto pare Cees Nooteboom è capace di farlo ovunque.

parole di Paolo Perlini

+++++

Della mia prima volta a Venezia, ricordo i colombi che svolazzavano intorno a me e io che mi riparavo i piedi infilandoli in un sacchetto di carta. Ma può anche essere che questo sia un falso ricordo, indotto da alcune fotografie.
Di sicuro, nella mia gioventù l'ho frequentata a lungo, visitandola anche tre volte all'anno in occasione di eventi, mostre, gite romantiche. Tuttavia i percorsi erano sempre gli stessi e a un certo punto ho iniziato a frequentarla con l'intenzione di perdermi.
Non ne sono un profondo conoscitore come può esserlo Cees Nootebom che da cinquant'anni la visita e la abita a lungo, risiedendo in sestieri sempre diversi, in albergo o in appartamenti di amici, diventando come dice lui, «un collezionista di indirizzi».

Cees è arrivato a conoscere la città e muoversi come un vero veneziano, a mescolarsi fra le gente comune, leggere il Gazzettino e nonostante tutto, perdersi ancora.
Probabilmente, perdersi è un imperativo per conoscere meglio:
«...domani mi perderò di nuovo, come devono perdersi tutti quelli che vengono da fuori, perché è l'unico modo per conoscerla».

C'era bisogno di un altro libro su Venezia? È proprio necessario parlarne?

Cees ci mostra un'altra Venezia, quella dei suoi autori preferiti: Tiepolo, Tintoretto e Canaletto. Quella dei dogi e dei letterati che l'hanno frequentata, dei commercianti, dei naviganti e dei pirati, dei pescatori, raccontando anche dei veneziani di oggi, i pochi rimasti. Dal 1951, quando aveva raggiunto il suo massimo di 174.808 residenti, il centro storico di Venezia ha perso circa il 70% della popolazione, attestandosi sui 52.996 abitanti nel 2018.
Una città che è diventata la seconda in Italia dopo Roma con il più alto flusso turistico e che la sera si trasforma:
«Si dice che quasi tutti i veneziani, la sera, abbandonino la loro nave che affonda. Affitti troppo alti, troppi turisti. Abitano a Mestre o ancora più lontano, da qualche parte in Veneto...ho sempre l'impressione che la città, sul far della sera, si sollevi un po' sull'acqua, come un traghetto quando si sbarca».

E quindi, c'era bisogno di scrivere un altro libro su Venezia? Sì, ce n'era proprio bisogno perché «questa città è un libro che si volta da solo le pagine.» E prima che si trasformi definitivamente in un luna park, prima che la subsidenza, cioè lo sprofondamento del suolo per cause naturali e antropiche, ce la porti via, è meglio leggerne più pagine possibile.

«...Venezia, sempre la stessa, sempre diversa. Non per niente Paul Morand ha intitolato il suo libro su questa città Venezie, e in realtà non basta ancora. Solo per quest'isola dovrebbe esistere un grado superlativo del plurale».




Titolo: Venezia. Il leone, la città e l'acqua
Autore: Cees Nooteboom
Editore: Iperborea (27 ottobre 2021)
Pagine: 256
Traduzione di: Fulvio Ferrari
Compralo sul sito dell'editore
Guarda su amazon


Ti è piaciuto questo articolo? Dacci una mano! Il tuo aiuto ci consente di mantenere le spese di questa piattaforma e continuare a diffondere l'arte.
L'associazione si sostiene senza pubblicità ma soltanto con le tessere associative e l'impegno dei soci.
I Link verso i canali di vendita sono inseriti al solo scopo di agevolare gli utenti all'acquisto.
Sottoscrivi la tessera associativa con una piccola donazione su PAYPAL
Oppure puoi offrirci un caffè.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
Privacy Policy