Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Ramo | Silvia Vanni

Ramo | Silvia Vanni

++++ +

Ramo | Silvia Vanni | Bao Publishing

Quante volte vi siete soffermati davanti alla paura dell’ignoto?
E quante davanti alla paura della morte?
Io non lo nego, la morte è una di quelle cose che mi fa davvero paura. Quel non sapere se dopo ci sarà davvero qualcosa, se dovremo ricominciare da capo e cosa succederà a tutto il resto dopo che noi ce ne saremo andati.
Mi terrorizza.
Gli anni ‘90, quelli della mia infanzia, hanno lanciato nell’etere tantissimi film e cartoni animati che cercano in qualche modo di indorare la pillola. 
Da “Charlie anche i cani vanno in paradiso” a “Casper”, da “Ghost” a “La morte ti fa bella”, sono stati un crescendo i film che hanno associato un lato tenero alla morte. 


Anche Silvia Vanni, Fantafumino sul web, ci regala una pillola dolce sulla morte nel suo primo graphic novel “Ramo”, edito da Bao Publishing.
Ramo è ciò che rimane di Omar, un giovane pianista morto. La sua storia non è finita e sembra proprio che ci sia un filo invisibile a tenerlo legato ad Altea, una giovane che ha perso il fidanzato in un tragico incidente stradale.
Ramo e Altea si aiuteranno a chiudere i loro cerchi aperti, l’accettazione della morte per l’uno e il riuscire ad andare avanti con la sua vita per l’altra.
Silvia usa colori pastello molto delicati come delicata è la storia e l’approccio a un argomento così difficile. I flashback indossano un vestito ancora più chiaro, quasi come se avessero una piccola nebbia davanti a renderli un po’ confusi e al contempo molto precisi. 


Difficile potervi raccontare di più senza cadere nello spoiler che vi rovinerebbe la lettura, ma possiamo dire che “Ramo” affronta argomenti molto delicati come il senso di colpa, l’amore che non ha fatto in tempo ad essere amore, il sentirsi incompleti e causa del male di chi si ama.
E Silvia lo fa in modo delicato, contrapponendo all’amaro degli argomenti il dolce del suo stile un po’ kawaii fatto di colori pastello e linee morbide.
Insomma, badate bene, non è una passeggiata ed è anche difficile non commuoversi. 

“Ramo” vi ruberà sicuramente un pezzettino di cuore e dopo averlo letto, forse, la morte farà un pochino meno paura.

 

Ramo | Silvia Vanni
Copertina rigida: 140 pagine
Editore: Bao Publishing (19 settembre 2019)
Lingua: Italiano

 

 

© Giulia Cristofori

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS