Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Il vuoto che resta | Tutte le mele di Annie

Il vuoto che resta | Tutte le mele di Annie

++++ +

La prima parola che mi verrebbe da dire è straziante.
Sì, lo so, iniziare una recensione con la parola ”straziante” non è il massimo, ma questo è, uno dei volumi più strazianti che io abbia mai letto.
Sa di quell’attesa densa di assenza che non finisce mai, un vuoto incolmabile, un grumo allo stomaco che non si scioglie, denso.
Ma andiamo per ordine.
Il vuoto che resta” edito da “Beccogiallo” è l’epistolario illustrato della nostra solitudine, quella di tutti noi, che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita, che ci ha fatti sentire piccoli ed insignificanti in confronto all’enormità del dolore della perdita.
Perché di questo si tratta: un lungo, struggente e interminabile addio.


Il volume di apre con una dedica che scalda il cuore: “A chi cerca di dimenticare.” Niente puntini sospensivi, solo la cieca certezza di un punto fermo, come a dire “so che stai soffrendo, ci sono qui io a colmare quell’assenza”. Ecco, a nome di tutti noi, Valentina Savi, io ti dico grazie, perché con il tuo lavoro ci hai fatti sentire meno soli.


Le lettere sono suddivise in mesi, ognuno dei quali è introdotto da un’illustrazione e composto da una serie di ritagli di vita fatti di assenza, ma anche di polaroid, macchie di caffè, immagini, scarabocchi e quotidianità. La storia, che più che una storia in sé è un crogiolarsi nei ricordi e nel dolore, si dipana nel corso delle lettere ed è una sorta di percorso che sfocia in tutte quelle azioni che nel contesto di una rottura ci portano a credere di essere stupidi, o sbagliati (ho amato il messaggio da ubriaco) o “non abbastanza qualcosa”. Le illustrazioni sono ricche di colori sgargianti e ritraggono frequentemente la lei assente, rendendo ancora più tangibile il contrasto tra scritto e disegnato e l’assenza di lei.

Della conclusione non parlerò, non voglio svelare nulla, voglio solo dire un conclusivo ed enorme grazie, perché se è vero che “Ci sono cose che non puoi toccare e che pesano come macigni, tipo le parole, specie quelle non dette” è anche vero che Valentina Salvi è riuscita con poche pagine a dirle veramente tutte.

Autore: Valentina Savi | Tutte le mele di Annie
Editore: BeccoGiallo | Fumetti
Anno di pubblicazione: Ottobre 2019
Prezzo di copertina: 16,00 € 

© Nadia Caruso

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS