Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Keaton - Keaton

Keaton
Keaton - Keaton

+++++

La musica elettronica non è il mio mestiere né tantomeno la prima scelta quando mi viene chiesto cosa mi piaccia ascoltare, anche se influenza i gruppi con i quali sono cresciuta e da un po' di tempo a questa parte ho avuto la fortuna di approfondire certi esponenti.

Ci sono tante eccezioni nel mare di artisti che sfornano più o meno tutti la stessa brodaglia di beat sempre uguali e arzigogoli un po' forzati: una di queste eccezioni è completamente italiana, arriva da Bologna e si chiama Keaton.

Il progetto musicale formato da Hyppo, Carota e Salva, tre bolognesi già avvezzi alla musica e al palcoscenico, parla del primo album “Keaton”- uscito per l’etichetta Garrincha Soundsystem - come dell'urgenza di creare qualcosa dopo anni di sperimentazione e divertimento, anni in cui hanno affinato un equilibrio solido fra ritmo e contenuto.

L'album è, a conti fatti, un lavoro che deve aver viaggiato parecchio e deve aver pescato a grandi mani da diversi generi dell'elettronica di paesi diversissimi fra di loro: tre nomi che mi vengono in mente ascoltando le tracce sono i The Knife, i Moderat e i Chemical Brothers, ma senza arroganza o tentativo di plagio.
Quello che hanno fatto i Keaton – probabilmente e per fortuna – è stato studiare a lungo e a fondo per poi personalizzare il tutto, lasciando tornare le influenze a immergersi e sobbollire, confondendosi con il resto degli ingredienti.

Keaton” è un album fatto di lava bollente che sgorga scivolando calda e inarrestabile dalle pendici di un vulcano psichedelico in piena eruzione milioni di anni fa.

Esplosioni di fulmini e lapilli compongono le 8 tracce, un paio anche con parti di cantato, come “Not with you” con l'ipnotica voce di Veronica Lucchesi presa in prestito dai La Rappresentante di Lista, mentre il resto è pura elettronica ben misurata, un po' da viaggione mentale e un po' da corpi liberi in movimento.

Con tutta probabilità il pregio maggiore di “Keaton” è la misurazione, la potenza calibrata e ben distribuita, la sapienza con la quale questo trio proveniente da diverse realtà musicali ha messo insieme il loro lento sperimentare per creare una dimensione coinvolgente, dalle diverse scale di emozioni.

Canzoni da ascoltare assolutamente: Profusion, Not with you, Night Shift

Keaton - Keaton
Grafiche: Giulio Cassanelli
Uscita: 17 febbraio 2017
Etichetta: Garrincha SoundSystem

© Fiorella Vacirca

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS