Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

crunch241 | Francesca Vesentini

crunch241 | Francesca Vesentini

 «Non si accorse che il mondo declinava e che l'ombra avanzava strisciando».
Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde



Ciao Francesca e benvenuta tra i morsi quadrati! Noi di CrunchEd siamo molto affamati di nuove storie e ci piacerebbe conoscere la tua. Quando hai cominciato a disegnare e cosa ti ha spinto a farlo?
 

Ciao a tutti! Grazie per avermi invitata ad essere un morso quadrato. Ho cominciato a disegnare da piccola. Il mio primo sketchbook inconsapevole risale all'asilo: pagine su pagine in cui disegnavo a rotazione le streghe Doremì, un cartone che evidentemente guardavo parecchio.

Credo poi che abbiano avuto una forte influenza anche i pomeriggi estivi in cui mia mamma leggeva a me e ai miei fratelli dei libri e per ogni capitolo ci chiedeva di disegnare ciò che più ci aveva colpito. Sono quasi certa che in quei momenti si sia aperta per me una porta gigante: il mondo della lettura e del disegno in simbiosi. 

 

Ti va di spiegarci cosa ti ha portato a scegliere questa citazione da illustrare?

Ho deciso di scegliere una citazione dal libro che sto leggendo in questo momento: Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde. Questa frase mi colpisce perché mi ricorda il momento in cui alzo la testa dal tavolo e mi accorgo che si è già fatto buio. Semplice, ma descrive perfettamente la sensazione che provo in quei momenti. 

 

Nel percorso creativo di molti artisti il rapporto con il proprio stile e la propria tecnica è spesso tortuoso e pieno di incertezze. Tu come vivi la tua ricerca visiva? Hai un rapporto pacifico con le tue capacità espressive o ci litighi spietatamente?

La mia ricerca visiva è frutto e anzi, va a braccetto con la ricerca e la crescita personale. Il bello della ricerca è che anche il mangiare una mela può nascondere un colore o una forma che prima di quel momento ignoravi.

Bisogna avere le orecchie e gli occhi aperti per recepire questi stimoli. È tutto un equilibrio che balla e per quanto riguarda le mie capacità espressive, non ci litigo spesso ma sono cosciente ogni volta che finisco un lavoro di poterlo potenzialmente risolvere in altri mille modi.

 

C’è un autore in particolare che ha illuminato o che ancora illumina le tue opere? In altre parole, c’è un artista, uno scrittore che ti stimola a mordere la vita?

Di certo ne ho tanti in mente ma nominerò l'illustratrice Consejo. Il primo albo che ho comprato ha la sua firma: Il signor Nessuno, il primo amore in assoluto.

Ammiro tanto anche Dautremer, in entrambe vedo una mole di dettagli che mi fanno impazzire. 

 

I tuoi soggetti spaziano dalla rappresentazione interpretata dal tuo tratto di ambienti reali a atmosfere decisamente più oniriche. Cosa ti spinge verso un mondo piuttosto che verso l’altro?

Quando disegno il reale molto spesso lo faccio per documentare ciò che vedo  o per puro esercizio, mentre quando illustro atmosfere oniriche mi ritrovo a esportare un concetto o un pensiero che fuori non c'è e che sta dentro la testa: due esigenze diverse. 

 

Domanda irrinunciabile per il palato di CrunchEd: qual è il tuo rapporto con la musica e quali vie sceglie per farsi strada fino ai tuoi disegni?

La musica è importantissima e ho con lei un rapporto che si potrebbe definire morboso. Quando scopro una nuova canzone la inserisco all'interno di una playlist che si chiama "obsessed" (ossessionata) e poi la ascolto tante, tantissime volte fino a quando mi sembra di averla mangiata fino all'ultima briciola. Mentre quando disegno utilizzo spesso la playlist "piensas" (pensa).

 

Chiudiamo con un classicone e, intanto, ti ringraziamo per la disponibilità: progetti futuri? A cos’altro stai lavorando?

Ringrazio voi di cuore e chi si è fermato a leggere queste parole. I progetti futuri sono molto concreti: voglio trovare lavoro, commissioni ma anche progettare laboratori di filosofia per bambini e ragazzi, mi sto formando per poterlo fare e chissà, magari iniziare a partire da Gennaio 2022. 
Ora sto lavorando a una commissione romantica e a molti concorsi che spero possano darmi un bel feedback. 
A presto CrunchED!


Noi ti continueremo a seguire

Instagram 


Ti è piaciuto questo articolo? Dacci una mano! Il tuo aiuto ci consente di mantenere le spese di questa piattaforma e continuare a diffondere l'arte.
L'associazione si sostiene senza pubblicità ma soltanto con le tessere associative e l'impegno dei soci.
I Link verso i canali di vendita sono inseriti al solo scopo di agevolare gli utenti all'acquisto.
Sottoscrivi la tessera associativa con una piccola donazione su PAYPAL
Oppure puoi offrirci un caffè.

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS