Sola andata | Claudia Bruno

Sola andata | Claudia Bruno

Sola andata è una discesa verso l'ignoto che ci abita, come quando, combattuta l'iniziale avversione per una brutta ferita, ti trovi a studiarla, toccarla, scoprirne i lembi feriti, pigiando sui lividi.

Ce ne parla Erika.


+++ ++

Ludovica e Cristian sono una giovane coppia. Vivono a Roma, in quello che è ancora un cantiere e dentro il quale cercano di immaginare la loro casa che sarà. Tutto sembra procedere, pur se tra alti e bassi, finché un giorno lui, ricercatore medico, accetta un incarico a Londra e parte, lasciandola sola.

Ma Ludovica e Cristian non sono solo una coppia: sono due entità diverse, due approcci diversi alla vita, al mondo. Lui, analitico e razionale, vive hic et nunc; lei, con una mente ipersensibile, è invece votata all'immaginazione, alle vastità, alle profondità e alla sofferenza.

Quando rimane sola si aggrappa con tutte le sue forze a Ombra, una gattina cieca che avevano trovato nel loro garage e preso a vivere con loro, ma quando si rende conto che la piccola creatura non basta a colmare quella sensazione di incompletezza che la partenza di Cristian le aveva riaperto, decide di raggiungerlo a Londra, per poter riprendere la loro storia da dove si era interrotta. 

Lascia il suo lavoro da didascalista, che in qualche modo sembrava calzarle perfettamente, affida Ombra ai suoi genitori e sale su un volo sul quale farà uno strano incontro, di fatto un anticipo della follia verso cui si sta dirigendo a grandi passi.

Giunta a destinazione, la realtà la colpisce come un pugno: la loro sistemazione è precaria e il lavoro di Cristian lo porta molte ore fuori casa lasciandola ancora più smarrita di quanto non fosse quando l'idea di ricongiungersi con lui era un desiderio e un sogno. 

Nel tentativo di tornare indipendente, si candida per quello che crede sia un lavoro da barista e invece si rivela una ricerca per una ballerina esotica in un locale notturno. 

Pur riassegnandole un posto nello spazio e nel proprio corpo, dal quale sentiva sempre più di disconnettersi, lo sforzo di crearsi una nuova identità così diversa da quella che crede sia la propria natura schiva e riservata, la spinge a fare uso di stupefacenti e circondarsi di menzogne, consegnandola di fatto a una nuova deriva, sempre meno presente a se stessa e a quello che la circonda, facendole perdere di vista prima Ombra, poi Cristian.

Quando le crolla addosso la consapevolezza di aver vissuto gli ultimi anni a rincorrere un'illusione di normalità e proiezione delle proprie speranze interamente in un rassicurante e prevedibile futuro già deciso, decide di sganciarsi da ogni legame, da ogni paracadute, affidando il proprio destino a un turbine di scelte sbagliate ma personali e istintive, creandosi un'esistenza folle, cruda, pericolosa ma libera dal condizionamento del giudizio altrui, una strada scavata nella sofferenza e nella sopravvivenza, ma reale, presente, tangibile.

Sola andata è soprattutto un viaggio mentale, una discesa verso l'ignoto che ci abita, il bisogno di scavare le profondità dell'esperienza, di procedere a tentoni nell'oscurità o gettarsi ad occhi chiusi nel vuoto, come quando, combattuta l'iniziale avversione per una brutta ferita, ti trovi a studiarla, toccarla, scoprirne i lembi feriti, pigiando sui lividi, realizzando come niente più del dolore fisico possa restituire lucidità e appartenenza al proprio corpo e al proprio tempo.



Titolo: Sola Andata

Autore: Claudia Bruno

Edizioni: NNE

Collana: La Stagione/ Gli Innocenti

Genere: Romanzo

Pagine: 233

Uscita: marzo 2022

Compra sul sito dell'editore



Ti è piaciuto questo articolo? Dacci una mano! Il tuo aiuto ci consente di mantenere le spese di questa piattaforma e continuare a diffondere l'arte.
L'associazione si sostiene senza pubblicità ma soltanto con le tessere associative e l'impegno dei soci.
I Link verso i canali di vendita sono inseriti al solo scopo di agevolare gli utenti all'acquisto.
Sottoscrivi la tessera associativa con una piccola donazione su PAYPAL
Oppure puoi offrirci un caffè.

 

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
Privacy Policy