Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Lovecraft e altre storie - Dino Battaglia

Lovecraft e altre storie
Lovecraft e altre storie - Dino Battaglia

+++++

Ogni volta che qualcuno inventa qualcosa, l’unica domanda che ci si pone è: per quanto tempo se la ricorderanno?
In un’epoca in cui si sono già inventati tutto ci troviamo a fare i conti col fatto che ormai non c’è più niente di nuovo e insostituibile.
La frase tipica di noi nati negli anni 80 è “Ma vuoi mettere X (dove con X intendo un gruppo musicale, un film, uno scrittore, un fotografo, una cosa qualunque degli anni che precedono il 1990) con Y (dove con Y intendo un gruppo musicale, un film, uno scrittore, un fotografo, una cosa qualunque degli anni che vengono dagli anni 2000 in poi)?”.
Chiamateci nostalgici ma la verità è che non c’è più niente di immortale.
E allora ci ha pensato Nicola Pesce Editore (NPE) a noi nostalgici con una collana dai sapori di un tempo che raccoglie storie brevi del fumettista veneziano Dino Battaglia, considerato uno dei maestri italiani del fumetto.

Lovecraft e altre storie”, quarto volume della collana, raccoglie sei storie brevi a tema horror e si apre con un tributo di Battaglia proprio a H. P. Lovecraft, ricordato come uno dei maggiori scrittori di letteratura del genere insieme ad Edgar Allan Poe.

Quello che ci hanno insegnato dopo gli anni 90 di profondamente sbagliato è che l’orrore si nasconde in una sceneggiatura intrisa di sangue e budella sparse sul pavimento. Al giorno d’oggi i film horror sono carichi di effetti speciali non richiesti che fanno più schifo che paura e i fumetti sono pieni di mostri schifidi che sbavano muco verde e squartano la gente. Sfogliando questo volume, invece, arriveremo a capire qual è il concetto di immortale e indimenticabile: segni fini di pennino e tamponi delicati lasciano spazio alle mezze tinte piuttosto che i neri intensi che contraddistinguono i primi lavori di Battaglia.

Attraverso una nebbia fitta di goccioline d’inchiostro, Battaglia riesce a catturare l’angoscia tipica dei racconti di Lovecraft e a trasporla su carta in maniera impeccabile e carica di un’eleganza che travolge l’occhio.

Non servono dettagli splatter per far sussultare, basta una nebbia che lascia intravedere un cadavere attraverso uno spettacolare tratto indefinito capace di lasciar permeare il tormento dei protagonisti della trasposizione di “Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde”.
I giochi di luci e ombre avvolgono il lettore in un contesto di angoscia e paura, come un velo che ricopre le pagine e l’animo umano permettendo all’oscurità di uscire fuori nei segni fitti di inchiostro e di danzare nei grigi che riempiono le pagine.

Le storie sono sei e ognuna è disegnata con uno stile diverso che contiene tratti distintivi a rappresentare l’epoca in cui è contestualizzata.

  • Omaggio a Lovecraft”: richiama le atmosfere di fantascienza tipiche dello scrittore e racconta di un commerciante che si ritrova in un paese deserto con un finale colmo di angoscia.

  • La malizia del diavolo… cronaca medievale illustrata”: sembra una favola nera di qualche libro medievale e parla di un soldato a cui il Diavolo chiede di vendere l’anima (classicone!)

  • Totentanz”: dal tedesco danza macabra, si ispira all’opera di Franz Liszt e racconta la storia di un triangolo amoroso tra un vecchio artista, sua moglie e un giovane apprendista disposto a tutto per conquistare la donna.

  • Il Patto”: ambientato in epoca barocca racconta la storia di una dama narcisista disposta a scendere a patti col Diavolo per garantirsi l’eterna giovinezza.

  • Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde”: trasposizione del famoso romanzo che si svolge nella Londra ottocentesca dove il rispettabile dottor Jekyll sperimenta una formula chimica su se stesso capace di trasformarlo nell’insieme dei suoi istinti più oscuri, il signor Hyde.

  • Il Golem”: ispirato al film tedesco del 1920 “Der golem wie er in die welt kam” racconta come un rabbino riesce a costruire un Golem, figura ispirata ai miti ebraici che rappresenta una sorta di Frankenstein in fango e creta capace di compiere le azioni che gli vengono ordinate pronunciando parole magiche ancestrali. 

Un volume senza tempo, da sfogliare ed ammirare, per appassionati del genere e nostalgici di quelle opere immortali che nessuno ci ridarà più.


Lovecraft e altre storie
Sfoglia l'anteprima 
Prezzo: 16.90€
Autore: Dino Battaglia
Formato: 210×300 mm, cartonato in bianco e nero, 128 pp.

© Giulia Cristofori

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS