Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Minirecensioni Musica - Giugno 2017

Minirecensioni Musica - Giugno 2017

Zeman - Non abbiamo mai vinto un cazzo
+++++ 

Post punk + indie + un pizzico di new wave = "Non abbiamo mai vinto un cazzo", il nuovo album degli Zeman, band di Udine formata da Lupo (voci e synth) Ste (basso e back vocals) Dede (chitarre e back vocals), Matteo Il Cane Danese (batterie, synth e back vocals). 
Un disco un po’ nichilista e un po’ no, arreso all’eventualità di fare parte dei perdenti per natura, eppure arrabbiato ed energico. Nove tracce che sembrano uscite dalla fine degli anni ‘80, spregiudicate solo come canzoni sulla verità della vita sanno essere, che raccontano storie di persone che potrebbero essere il vostro vicino di sgabello al bar oppure la ragazza che aspetta il tram alla vostra fermata.
Di storie devono averne vissute gli Zeman, o devono averne ascoltate parecchie, perché il disco è composto come un percorso emotivo con canzoni molto sentite e scritte minuziosamente, con atmosfere mai casuali.
“Non abbiamo mai vinto un cazzo” è un disco stranamente adatto all’estate, a quell’estate di chi è un po’ fuori dagli schemi e che sa ironizzare sulla propria condizione di sfigato cronico.

Artista: Zeman
AlbumNon abbiamo mai vinto un cazzo
Etichetta: To Lose La Track
Data di uscita: 28 aprile 2017
Genere: New wave e post punk


The Ghibertines - The less I know the better
+++++ 

I milanesi The Ghibertines (Alessio Hofmann alla chitarra e voce, Lorenzo Rivabella alla chitarra e Alessandro Fogazzi al basso) si autoproducono il primo album ini studio “The less I know the better”. L’album è un concentrato di folk rock molto americano che strizza l’occhio a diversi generi ma che assomiglia nettamente ad un misto di Counting Crows, Mumford & Sons e Dave Matthews Band.
Le 11 tracce di “The less I know the better” hanno tanti elementi tutti al posto giusto, sicuramente c’è spazio di manovra per migliorare la personalità della band, cercando di essere meno forzatamente un remake di altri gruppi.
Nel complesso i The Ghibertines tirano fuori dal cappello una buona prima prova, suonata con precisione.

Artista: The Ghibertines 
Album: The less I know the better
Etichetta: Mob Sound record
Data di uscita: 16 giugno 2017
Genere: Folk rock


The Valium - Amazing breakdowns
+++++ 

I The Valium (Marco Sabino alla voce, Luigi Sabino alla chitarra e cori, Luca Maresca alla chitarra e cori, Mariano Lepore al basso e cori e Dado Maresca alla batteria) non la mandano certo a raccontare con il nuovo album “Amazing Breakdowns” e riversano tutto il fantomatico esaurimento del titolo nelle meravigliose chitarre a tutto spiano, nei ritmi coinvolgenti e nella creazione di un suono tutto loro.
Lo hanno mixato non una, non due ma ben tre volte per arrivare al risultato finale e il lavoro di fino non passa inascoltato. Sonorità inglesi da locale affollato e sudato, testi sull’amore disilluso/irraggiungibile, un’ondata garage e psichedelica che travolge dal primo ascolto.
“Amazing Breakdowns” è un album estivo da inserire immediatamente nella vostra playlist.

Artista: The Valium
Album: Amazing Breakdowns
Etichetta: XXXV
Data di uscita: 15 giugno 2017
Genere: Indie


Lara Molino - Fòrte e gendìle
+++++

C’è sempre un che di misterioso nella musica folk in dialetto, un ritorno alle origini e alla semplicità, un modo per ritrovare la strada di casa raccontata da qualcuno di simile. Questa sensazione di tornare a casa si avverte chiaramente anche quando il dialetto non è quello della propria zona. Lara Molino, con il suo album “Fòrte e Gendìle”, compie proprio questo lavoro delicatissimo di raccontare la terra d’Abruzzo nella sua lingua d’orgine.
Come ogni tradizione folk, per cantare queste storie abruzzesi forti e gentili, bastano la voce, la chitarra, la viola e il violino. I testi raccontano di terra ma anche di briganti, di povertà e di donne, racchiudendo la tradizione in dieci pezzi scritti insieme al padre poeta Michele Molino.
“Fòrte e Gendìle” è album bello e coinvolgente, semplicissimo eppure di forte impatto, soprattutto emotivo. Ora vi sfido a non prendere un biglietto del treno per andare a scoprire la ricca terra d’Abruzzo.

Artista: Laura Molino
Album: Forte e gendìle
Etichetta: Gazich
Data di uscita: 20 giugno 2017
Genere: Folk, tradizioni popolari

© Fiorella Vacirca

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS