Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Amore che vieni, amore che vai - 23 luglio 2016- La casa del Jazz

Amore che vieni, amore che vai - 23 luglio 2016- La casa del Jazz

Senza musica la vita sarebbe un errore”, scriveva Nietzsche. È un privilegio necessario concesso a tutti per elevarsi, migliorarsi, mettersi al riparo dai fantasmi. Ma non tutti possiedono le spalle adatte a farsi carico di questa importante missione della musica, e cadono nell’errore vitale di non riuscire ad alzarsi da terra difettando di una gracile fisionomia mentale e di uno stretto spettro di ottave. 
Così l’orecchio e l’animo dividono istintivamente i musicanti dai musicisti, i cantanti dai cantautori e i cantautori dai poeti, permettendo solo ai secondi di entrare nella storia personale di ciascuno grazie all’immortalità delle loro note e alla verità dietro le loro parole.

Fabrizio De Andrè appartiene senza dubbio alla categoria dei poeti senza tempo. Cantastorie, filosofo di vita, autore di personaggi indimenticabili, di paradossi e di paradigmi sociali, Faber è IL cantautore che più racchiude anime diverse dentro di sé nella musica italiana, divenendo il metronomo dei battiti cardiaci da ben 3 generazioni.
Necessario continuare a celebrarlo, quindi. Per non andare fuori tempo e perdere il ticchettio.

Amore che vieni, amore che vai”, il nuovo progetto organizzato da I concerti nel Parco con il patrocinio  del Comune di Roma, ha proprio questa premessa: ridonare luce e colore al caleidoscopio di storie di Faber e che da Faber sono state accompagnate, rispolverando la memoria collettiva la sera del 23 luglio a La casa del Jazz in Viale della Porta Ardeatina, 55 a Roma.
E lo farà in maniera del tutto inedita unendo i battiti del pop e rock di Cristina Donà alla libertà di espressione propria del jazz di Rita Marcotulli (pianoforte), Enzo Pietropaoli (contrabbasso), Fabrizio Bosso (tromba), Javier Girotto (sax), Saverio Lanza (chitarra elettrica), Cristiano Calcagnile (batteria percussioni).
Una diversità di note a servizio di una diversità di storie per sottolineare la poetica di De Andrè, ma soprattutto il suo lato femminile, vero tema della serata, e cantare le donne da Faber tanto amate e tanto raccontate, le loro passioni, la loro solitudine e la loro ironia emancipandole con la stessa libertà indisciplinata del jazz e la stessa universalità della musica. 
Una premessa indisciplinata, questa di “Amore che viene amore che vai”, che racchiude di certo la promessa di spettinare le storie del pubblico. 
Prepariamoci a lasciarci trascinare dal vento del jazz e dal metronomo di De Andrè.

PER INFO:
http://www.iconcertinelparco.it/eventi/dona-bosso-girotto-marcotulli-pietropaoli-calcagnile

 

“Amore che vieni, amore che vai”,
Omaggio a Fabrizio De Andrè 

I concerti nel Parco

23 LUGLIO @ La casa del Jazz
Viale della Porta Ardeatina, 55 ROMA

BIGLIETTI: 13.50 EUR + 1,70 d.p. 
PREVENDITE: www.ticketone.it

PER CONSULTARE IL CARTELLONE COMPLETO DE “I CONCERTI NEL PARCO”:
http://www.iconcertinelparco.it/cartellone

© Isabella Di Bartolomeo





BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS