Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Norwegian Blues | Levi Henriksen

Norwegian Blues | Levi Henriksen

++++ +

Quando ero piccola mi è stato insegnato che quando trovi un libro che ti piace devi dare fiducia all’autore, lasciarti convincere e fornirgli ancora nuove occasioni per sorprenderti.

Eccomi dunque nuovamente tra le strade di Kongsvinger, in Norvegia, a percorrere la via che Levi Henriksen ha tracciato con l’inchiostro per me e per ogni altro lettore col suo “Norwegian Blues”, edito da Iperborea.
Avendo già letto un altro Henriksen, “Il lungo inverno di Dan Kaspersen”, (di cui trovate qui la recensione) ero preparata a un’andatura molto più lenta, che ingranasse pian piano velocità con l’andare della storia, come nel libro precedente.
Quanto mi sbagliavo. "Norwegian Blues" è un libro che ti si attacca alle mani e non si stacca più se non a lettura conclusa.
Ho divorato le quasi quattrocento pagine di questo libro senza di fatto rendermene conto, accorgendomi di come tra i vari talenti di Henriksen si possa annoverare anche la sua incredibile capacità di regolare l’andatura della scrittura e di cambiare pelle, pur restando profondamente coerente con se stesso.
Il libro è un omaggio alla musica e alla fede, di qualunque natura essa sia.
Il protagonista Jim Gystad, un discografico disilluso e amareggiato, si imbatte casualmente in quella che diverrà una vera e propria ossessione: la musica del Trio Thorsen, ex band di pezzi spirituali composto da tre fratelli ormai ultraottantenni.
Ripercorrendo la vita dei Thorsen, e la storia della musica di conseguenza, i tre fratelli dovranno fare i conti col proprio passato, con le voragini di dolore che questo ha lasciato sulla loro pelle e affrontare prove che renderanno palese come questo sia il libro del “non è mai troppo tardi”. Ho adorato il pessimo carattere di Timoteus, predicatore mancato e distruttore di mandolini da concerto, la falsa inflessibilità e i modi di fare androgini di Maria e infine la dolce Tulla, ancora bella d’aspetto e di modi, nonostante l’età.
Ma la cosa che ho veramente adorato è stato lo sciogliersi delle ritrosie dei tre ottantenni nei confronti di un uomo che non farà altro che credere nell’enorme potere della musica, conquistandoli tutti e tre (quattro contando anche me).

Autore: Levi Henriksen
Titolo: Norwegian Blues
Editore: Iperborea
Collana: Narratori
Anno di pubblicazione: Luglio 2017
Prezzo di copertina: 17,50 €
Pagine: 384

© Nadia Caruso


 

Ti è piaciuto questo articolo? Dacci una mano! Il tuo aiuto ci consente di mantenere le spese di questa piattaforma e continuare a diffondere l'arte.
PAYPAL

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS