Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Mini recensioni Luglio - Fumetti

Mini recensioni Luglio - Fumetti

 “Il piccolo Caronte”
Sergio Algozzino - Deborah Allo

+++++

Troppe volte abbiamo sentito la frase "è dovuto diventare adulto troppo presto". Perché se la vita ti obbliga a crescere, non puoi tirarti indietro. È quello che succede nella graphic novel, edita da Tunuè, scritta da Sergio Algozzino e disegnata da Debora Allo. Un giorno, il piccolo Mono, figlio di Caronte, si trova all’improvviso a dover sostituire il padre nel suo importante compito di traghettatore delle anime.

Algozzino scrive una storia di formazione e ci apre una finestra sulla sua visione personale dell'oltretomba, un luogo dove ognuno ha un "ruolo" che si distingue dal concetto di lavoro visto come obbligo e non come vera e propria definizione di se stessi.
Il viaggio di Mono si compone di due parti principali: l'oltretomba e il regno dei vivi.

Il ragazzino si troverà a dover comprendere i temi più importanti dell'esistenza, dalla formazione del pensiero alla morte.
Una menzione speciale va ai disegni di Debora Allo: "Il piccolo Caronte" è una gioia per gli occhi.

Titolo: Il piccolo Caronte
Autore: Sergio Algozzino - Deborah Allo
Editore: Tunuè
Uscita: 16 marzo 2017
Formato: copertina rigida, 144 pp.


“Edward mani di forbice - Qualche anno dopo”
Drew Rausch

+++++

Chi mi conosce bene sa della mia passione sconfinata per “Edward mani di forbice”. Ne ho parlato su Crunched qui lo scorso Natale, proprio durante quei giorni in cui si fa più forte il ricordo e la risposta alla domanda "Da dove arriva la neve?" è chiara e cristallina nella mia mente sognante.

Ho un costume di Carnevale con tanto di forbici che mi sono costruita da sola (roba che manco dodici puntate di Art Attack), quindi potete immaginare il salto sulla sedia appena ho visto che NPE aveva pubblicato un seguito a fumetti del celebre film degli anni ‘90. 

Appena l’ho sfogliato mi si è sciolto il cuore. I disegni, in pieno stile americano con i colori accesi e le note scure, di Drew Rausch, sono perfetti: gotici e malinconici e allo stesso tempo fiabeschi come fossero fotogrammi di una versione cartoon del capolavoro di Tim Burton.

La storia non è un remake ma una storia completamente nuova che riprende dal punto in cui eravamo rimasti.

La protagonista è Meg, nipote di Kim (quella che apriva il film con la famosa domanda sulla provenienza della neve…), ormai adolescente. La ragazzina prenderà il posto della nonna nella crociata contro gli abitanti bigotti del paese che ancora una volta punteranno il dito verso l’ingenuo Edward, addossandogli nuove colpe.

L’atmosfera non vi deluderà e se anche voi siete letteralmente innamorati dello strano uomo-macchina incompleto forse vi scapperà anche una lacrimuccia (le state sentendo nella vostra testa le voci di Albano e Romina che strillano nostalgia nostalgia canaaaaaaaaaaglia o le sento solo io?).

Titolo: Edward Mani di forbice - Qualche anno dopo
Autore: Drew Rausch
Editore: NPE
Uscita: 6 luglio 2017
Formato: copertina flessibile, 160 pp.


 “Un anno senza te”
Giopota - Luca Vanzella

+++++

Antonio e Tancredi si amano.
Tancredi lascia Antonio.
Antonio sprofonda nel buco nero in cui tutti siamo sprofondati almeno una volta e rimane intrappolato nel famoso limbo in cui i lutti si bloccano e incatenano.
Una storia vecchia come il mondo.

Alla loro prima graphic novel, edita da Bao Publishing, Luca Vanzella e Giopota decidono di lanciarsi sul semplice. Una narrazione senza tempo, una trama senza alcun colpo di scena e un disegno senza troppe pretese. Lineare. Ammetto che forse mi aspettavo qualcosa in più, purtroppo non sono riuscita ad empatizzare con nessun personaggio e forse avevo delle (immotivate) aspettative troppo alte. Questo non vuol assolutamente giudicare brutto questo lavoro, anzi. I disegni, specialmente le vedute di Bologna, mi piacciono per la loro semplicità e per i colori decisi.

Bella è anche l'idea di inserire qualche elemento surreale (la neve raffigurata da conigli, ad esempio) a regalare un po' di magia a una storia che di per sé non ne ha nemmeno un po'.
I sentimenti sono troppo in secondo piano e la protagonista è la vita (universitaria, brrr) che lenta cerca di riprendere il proprio corso fra la tesi e gli amici che ti obbligano a uscire.
Insomma, bello ma non balla.

Titolo: Un anno senza te
Autore: Giopota, Luca Vanzella
Editore: Bao Publishing
Uscita: 25 maggio 2017
Formato: copertina rigida, 220 pp.


 “Edgar Allan Poe”
Dino Battaglia

+++++

 Ho già avuto modo di lodare il maestro Battaglia qui su Crunched, dopo aver letto il volume “Lovecraft e altre storie”, sempre edito da NPE. Ho anche avuto modo di raccontare qui il mio personale rapporto con Edgar Allan Poe.
Quindi, assunto che amo Poe e che Battaglia è senza dubbio indiscutibile, cos’altro vi devo dire se non: fiondatevi a comprare questo capolavoro per gli occhi e la mente?
Battaglia in questo volume, ancor più di quanto aveva fatto su Lovecraft, si lancia sul disegno grottesco trasmettendo una continua ansia, rappresentata dai suoi particolari e inconfondibili bianchi e neri, che solo uno era riuscito a trasmetterci a parole...indovinate chi? Poe.
Coppia vincente non si cambia. E loro vincono a mani bassissime. 

Titolo: Edgar Allan Poe
Autore: Dino Battaglia
Editore: NPE
Uscita: 8 settembre 2016
Formato: copertina rigida, 83 pp. 


“Monolith - secondo tempo”
LRNZ - Recchioni - Uzzeo
+++++

Se con il primo tempo il trio Recchioni - Uzzeo - LRNZ ci aveva angosciato introducendoci nel mondo di Monolith, la macchina più sicura di tutti i tempi, con il secondo tempo ci dà il colpo di grazia.
Le atmosfere cupe lasciano spazio ai toni caldi dei paesaggi desertici, gli stessi che si intravedevano fra le ombre notturne del primo volume dove avevamo lasciato Sandra a combattere con le prime allucinazioni.

Non servono troppi dialoghi per percepire la disperazione che trasuda da ogni vignetta, oltretutto l'estremo realismo delle tavole di LRNZ riuscirà addirittura a farvi sudare perché vi sembrerà di essere sotto quel sole cocente insieme a Sandra alla ricerca di una soluzione per liberare il figlio intrappolato nell'auto.

"Monolith - secondo tempo" arriva forte come un pugno nello stomaco che ti leva il fiato e rafforza un messaggio, già introdotto dal primo tempo, forte e chiaro: la tecnologia e l'estrema sicurezza ci migliorano di certo la vita, fino a che non si trasformano in una trappola senza via d'uscita.

Titolo: Monolith - secondo tempo
Autore: LRNZ, Mauro Uzzeo, Roberto Recchioni
Editore: Sergio Bonelli Editore
Uscita: 11 maggio 2017
Formato: Copertina rigida, 96 pp.

© Giulia Cristofori

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS