Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Mercedes | Daniel Cuello

Mercedes | Daniel Cuello

+++++

Quanto pesano i sensi di colpa?
Pesano come dodici valigie trascinate come un fardello finché non si riesce a scrollarsele di dosso lungo la corsa verso la libertà.

Dodici sono le valigie che Mercedes, la donna più potente del mondo, porta con sé nella fuga scatenata dall’imminente crollo del suo impero, quando viene incolpata di tutto ciò che sta mandando a rotoli il Paese. Carestie, disastri ambientali, corruzione.

Mercedes”, la nuova graphic novel di Daniel Cuello (già conosciuto per il suo “Residenza Arcadia” e “Guardati dal beluga magico”) edita da Bao Publishing, ci mostrerà le due facce di una donna spietata ma fragile che non si arrende davanti alle peggiori accuse e comincia la sua corsa verso la libertà fisica, ma anche e soprattutto interiore, senza farsi scrupoli. Inarrestabile.
La storia è avvincente e solida, è quasi impossibile fare pause durante la lettura. Il ritmo è quello di una fuga e la grande forza sta proprio in una scrittura eccezionale.

Daniel, infatti, racconta senza mai dire troppo. Lascia intuire, svela il necessario consegnando le chiavi di lettura per comprendere anche “quelle parole non dette che fanno più rumore”.
I disegni sono sempre più espressivi, l’ironia e il retrogusto amaro sono perfettamente bilanciati fra le pagine.
Molto bello l’uso dei colori, a partire dalla iconica chioma rossa di Mercedes, e la caratterizzazione degli strambi personaggi che in certi passaggi ricorda quasi un film di Wes Anderson.

Sono tanti i personaggi e ognuno di loro ha la sua importanza. Mercedes si circonda di collaboratori che coinvolge, senza lasciare loro scelta, nel suo piano di fuga. Ogni collaboratore rappresenta una tappa, una valigia da lasciare, un pezzetto di pace da recuperare, un debito da sanare.
Ogni cerchio che Daniel apre viene chiuso magistralmente, ogni accenno nei flashback viene spiegato e tutti i pezzi alla fine combaciano.
È molto bello scoprire che ogni personaggio viene creato dall’autore osservando persone reali, nelle stazioni o sui treni o davanti a un bar e che anche i luoghi spesso sono luoghi reali, osservati e descritti nel minimo dettaglio.

Alla fine dei conti non importa dei soldi o del potere, ci ritroviamo sempre soli a combattere verso il nostro nemico numero uno: noi stessi, nella speranza di un’amnistia che ci pulisca da ogni colpa, specialmente dall’aver distrutto qualcosa o qualcuno solo per vedere fino a che punto potevamo spingerci.
Solo quando vinceremo quella battaglia, solo allora saremo liberi.

Ammetto di essermi anche un po’ commossa alla fine, dopo aver riso molto perché vi assicuro che l’ironia di Mercedes è spiazzante e travolgente. Una delle migliori graphic novel di quest’anno senza ombra di dubbio.
Andate e leggetene tutti!


Mercedes | Daniel Cuello
Copertina rigida: 224 pagine
Editore: Bao Publishing (24 ottobre 2019)
Lingua: Italiano

© Giulia Cristofori

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS