Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Mattia Cupelli – Ruins

Mattia Cupelli – Ruins

Mattia Cupelli – RUINS 
Un viaggio strumentale tra sogno e metafisica

di Chiara Bianchi

++++ +

Uscito il 9 luglio per Believe Digital, Ruins è il nuovo album di Mattia Cupelli, da lui interamente scritto, suonato e prodotto, successivamente masterizzato ad Hamburg da Hans-Philipp Graf. 

Compositore e produttore con base a Roma, Mattia Cupelli emerge nella scena neoclassica per i suoi brani carichi di pathos ed emotività, in una commistione tra suoni classici e la moderna musica elettronica e minimale. I suoi primi lavori trovano origine nelle colonne sonore, nella musica orchestrale e nella musica per pianoforte moderno, riscuotendo sin da subito un discreto successo su YouTube, dove colleziona in poco tempo oltre 80 milioni di streaming.


Con Ruins, Mattia Cupelli apre un nuovo capitolo artistico, in cui strumenti tradizionali, come l’immancabile pianoforte, trovano posto accanto ai synth. C’è spazio per momenti riflessivi ed euforici, nell’alternarsi scandiscono il ritmo del disco che ha un unico filo conduttore: il Tempo nel suo confrontarsi con l’Arte. 

Un disco metafisico, nel quale, ciò che è diventa evocativo e a tratti mitologico. Un viaggio nei meandri del passato, in cui la parola si tramuta in suono, nell’espressione della potenza nascosta in ogni bit. 

Ad anticipare l’uscita dell’album, il brano Monolith, nonché traccia di apertura in cui Cupelli misura il suo sentire nella coesistenza di culture e suoni diversi – orchestra, cori, flauti giapponesi e sonorità estemporanee – con un risultato avvolgente. Gli altri singoli estratti sono Egeria, un evocativo viaggio nella mitologia del passato, dal forte impatto emotivo, seguito da Chant, brano tra dogmatismo e sacralità.

Undici brani in cui affondare negli strati della storia, della musica che diventa racconto, leggenda, mito, nel suo fluire calmo nella dimensione del sogno. Un invito a una intima riflessione. 

 Se vi piacciono Nils Frahm, Nicolas Jaar o David August, questo album di Cupelli non vi deluderà. 


Mattia Cupelli

RUINS
9 luglio 2021
distribuzione digitale: Believe Digital 

tracklist
Monolith – Egeria – Eurydice – Iris – Cinder – Twilight – Cereyneian Hind 
Time – Ruins – Chant – Zodiac


 

Ti è piaciuto questo articolo? Dacci una mano! Il tuo aiuto ci consente di mantenere le spese di questa piattaforma e continuare a diffondere l'arte. Sottoscrivi la tessera associativa con una piccola donazione su PAYPAL

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS