Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

#crunch95 | Andrea Boatta

#crunch95 | Andrea Boatta

"'Per quanto un albero possa diventare alto, le sue foglie, cadendo, ritorneranno sempre alle radici.'' Proverbio Cinese


Ciao Andrea e benvenuta tra i morsi quadrati! Noi di CrunchEd siamo molto affamati di nuove storie e ci piacerebbe conoscere la tua. Quando hai cominciato a disegnare e cosa ti ha spinto a farlo? 
Ciao a voi, e grazie per l'occasione! Un pò come tutti, ho cominciato a disegnare da bambina, sono cresciuta a pane e matite, ricordo che mia madre dipingeva della ceramiche per hobby, e stando con lei ho iniziato a giocare con i colori e buttare giù le mie prime piccole "opere”, da allora non ho più smesso.

Ti va di spiegarci cosa ti ha portato a scegliere questa citazione da illustrare?
Certo! È da un anno che vivo lontano da casa e di tanto in tanto, spesso, (in pratica sempre!) ne ho nostalgia.
Questo proverbio mi ha ispirata il viaggio, l’avventura, non c’e nulla di meglio, ma è sempre bello poter tornare. 


Tra i tuoi disegni figurano molti personaggi femminili (nonché apprezzabilissimi tranci di pizza). È una scelta premeditata o una tendenza spontanea? 
Haha credo sia una tendenza spontanea, sono un amante del bello e della buona cucina, una gran mangiona, e poi diciamocelo, a chi non piacciono le belle donne e la pizza?!

I tuoi lavori si affidano al mezzo digitale ma non mancano di una suggestione nostalgica che induce a pensare a matite e pennelli su carta spessa. Nelle tue illustrazioni le due tecniche si integrano l’un l’altra con molta naturalezza. Che rapporto hai con questi strumenti? 
Sono davvero felice che questa cosa si noti, amo molto gli acquerelli, la carta spessa e le matite colorate. I miei studi accademici hanno rafforzato questo mio legame con le tecniche tradizionali, e spesso cerco di integrarle anche solo con delle texture che ricordino la carta. Personalmente la trovo una cosa rassicurante che conferisce calore al disegno. 

C’è un autore in particolare che ha illuminato o che ancora illumina le tue opere? In altre parole, c’è un artista, uno scrittore che ti stimola a mordere la vita?

Grazie ad internet, ormai ogni giorno scopro autori nuovi, artisti (professionisti e non) che mi stupiscono e che ammiro, anche solo per dei tratti particolari, per l’uso del colore per la sinuosità delle linee. È difficile sceglierne uno in particolare anche se da qualche anno mi sono davvero affezionata al lavoro di Enrique Fernández

Domanda irrinunciabile per il palato di CrunchEd: qual è il tuo rapporto con la musica e quali vie sceglie per farsi strada fino ai tuoi disegni? 
Quando disegno mi estraneo completamente e spesso uso musica di sottofondo, che mi dia ritmo, la reputo più che musa una compagnia irrinunciabile. Quando ho voglia di ascoltare musica che davvero apprezzo,  mi piace poter dedicarci tutte le mie attenzioni. 

Chiudiamo con un classicone e, intanto, ti ringraziamo per la disponibilità: progetti futuri? A cos’altro stai lavorando? 
Grazie mille a voi. Al momento sto lavorando a diversi progetti, dalle illustrazioni per un libro a dei concept per un piccolo corto in stop-motion, e nel mentre studio animazione al Centro Sperimentale di Cinematografia. La mia aspirazione è riuscire ad integrarmi nel mondo dell'animazione, e ricoprire il ruolo di Visual e Background Artist, chissà!

Grazie Andrea e in bocca al lupo!
Facebook
Behance
Tumblr
Instagram
Pinterest

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS