Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Lo Straordinario | Eva Clesis

Lo Straordinario | Eva Clesis

+++++

Ammetto di essere stata attratta da questo libro dalla sinossi, o, più precisamente, da quello che, dalla sinossi, si riesce a sapere della protagonista: 37 anni, sfigata, confusa, con una madre e una sorella alleate per farla sentire un fallimento; perfetto, sono io, impossibile che Lea non mi faccia già simpatia e un po' anche tenerezza.

Poi ci si addentra nelle vicissitudini del personaggio e chissà quante coetanee ci si ritroveranno: stage su stage che non portano a niente, un fidanzato di cui si fida ciecamente e che la tradisce proprio sotto al naso, quella sensazione perenne di lottare per conquistarsi un posto nel mondo e, perché no, anche nel cuore di qualcuno; e poi il bisogno di fuga dall'ambiente milanese rampante degli uffici super lusso, delle impiegate impeccabili, dal cliché consumato della professionista in carriera.

Quindi ok, sì, mi piace e sto già lottando con lei: appoggio la sua voglia di riscatto, di ripartenza, ma, soprattutto, di pace. 

Un appartamento in affitto in un complesso quasi da comune anni '70 sembra l'ideale: l'orto, la biblioteca, i gruppi di acquisto solidale, una comunità ideale autarchica e fricchettona ma. E qui inizia la fase due del romanzo, quella del mistero, del dubbio, della paura: la sensazione di essere spiata e controllata, di essere una pedina in un gioco torbido, i sotterfugi, i segreti, un vaso di Pandora che borbotta come una pentola a pressione.

Una narrazione che, per molti aspetti, mi ha ricordato la regia di M. Night Shyamalan: un thriller che in realtà non è un thriller, perché il messaggio non si traduce nella soluzione dell'enigma ma nella crescita del personaggio, un finale a sorpresa che lascia un po' spiazzati e increduli, ma che fa pensare anche "perché no?".

Il tutto condito da un linguaggio colloquiale, scorrevole ma mai troppo volgare; una narrativa sincopata, gustosa, di un romanzo che si fa leggere in una notte e che fa pensare che la felicità, magari, non la troviamo semplicemente perché la cerchiamo dove la trovano gli altri ma non è detto che la nostra sia lì.


Titolo
: Lo Straordinario
Autore: Eva Clesis
Edizioni: Las Vegas Edizioni
Genere: Romanzo
Collana: I Jackpot
Pagine: 250
Compra su:  Amazon

© Erika Casciello

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS