Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

La Perdita degli Anni | Vito Ferro

La Perdita degli Anni | Vito Ferro

++++ +

C'è una sottile angoscia che pervade la penna di Vito Ferro, una sorta di malessere esistenziale che si traduce in racconti che mischiano sapientemente reale ed irreale, sogno e realtà, vissuto ed onirico, facendo leva su inquietudini comuni, che diventano straordinarie.

Ventiquattro racconti più uno, una numerazione a piè di pagina a ritroso, a sottolineare la sovversione dell'abitudine, del consueto, della successione temporale. Soggetti tormentati, smarriti, impreparati, alla ricerca di un riscatto, di un segnale, di un rifugio, di risposte agli interrogativi di ogni giorno che paiono nascondersi più nella follia che nella lucidità.

Troviamo allora foto che sembrano animarsi e comunicare con l'autore e poi famiglie, che nascondono segreti, e vicini di casa, figure oscure ed enigmatiche e paure ancestrali, come quella di esseri abbandonati al supermercato dai genitori per un bambino o che qualcosa possa andare storto durante il parto per un papà.

Denominatore comune è spesso il tempo, che trascorre portandosi via persone e ricordi, o che decide di non scorrere come lo intendiamo ma di involvere, accelerare o interrompersi, come una casa che, giorno per giorno, come è stata costruita, si smantella, fino a tornare progetto, o un trauma che congela una vita in un determinato momento, cristallizzandola o una notte infinita che non diventa mai giorno. E questo clima, spesso molto angosciante, si traduce nell'incapacità del protagonista di uscire da determinate gabbie da lui stesso costruite, da una condizione che non riesce ad abbandonare, da una situazione che non evolve oppure, al contrario, dal crollo di certezze faticosamente conquistate, in un continuo affrontare l'ignoto senza difese.

Storie che fanno riflettere, che commuovono, che parlano di vita più di molti romanzi neorealisti. Una raccolta di racconti brevi inquietanti ed originali, una narrazione asciutta ed efficace, convincente, non banale. Un lavoro interessante, che affascina e sorprende.

La perdita degli anni
Autore: Vito Ferro
Edizione: Autori Riuniti
Genere: Racconti
Collezione: Le Gambe Corte
Uscita: Giugno 2018
Pagine: 141

 

© Erika Casciello

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS