Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.

Approvo

Maria Antonietta | Deluderti

Maria Antonietta | Deluderti

++++ +

Quando si parla di Maria Antonietta, cantautrice marchigiana, bisogna partire da un assoluto: è brava. Può piacere o non piacere, la sua voce può dare i brividi o creare fastidio, ma lei è brava. Punto.

Potrei chiudere qua la recensione del suo nuovo lavoro “Deluderti” e invece no, voglio portarvi con me nell’ascolto di questa artista tanto ignorata quanto celebrata.


Deluderti” arriva dopo 4 anni di pausa dalla scene, durante i quali Maria Antonietta ha fatto cose e visto gente, si è laureata in Storia dell’Arte, ha lavorato per il teatro, girato un paio di videoclip come regista, insomma non è rimasta con le mani in mano e ha messo da parte un bel bagaglio di esperienze.

Voi cosa avete fatto in questi quattro anni? Io, per esempio, ho sperato che non facesse uscire mai più un disco come il suo secondo “Sassi”, troppo pulitino e carino e a modino, con qualche guizzo di genio e molte canzoni deludenti.
Ammetto di amare in maniera viscerale il suo primo disco omonimo, tutto quello che è venuto dopo non è stato all’altezza. Quindi in questi quattro anni ho fatto cose e visto gente come lei, aspettando pazientemente, mentre lei, al secolo Letizia Cesari, è maturata tantissimo come cantante, come artista e (ci scommetto) anche come essere umano.


La verità che gira intorno a questo disco è che a 30 anni non si prova la stessa rabbia dei 25 anni, o se ancora è così, arriva una maggiore consapevolezza per analizzare il tutto e indirizzare questi sentimenti dall’autolesionismo (fisico ed emotivo) alla ricostruzione.
C’è un senso di pace e adultità nelle nove canzoni che compongono “Deluderti”, disco che fa tutto tranne seguire il suo stesso del titolo. Ci sono le aspettative, vero fil rouge del lavoro prodotto da Maria Antonietta e Colombre, ma soprattutto c’è la consapevolezza chiara e netta che quelle aspettative sì, potrebbero spezzarsi una ad una e sì, è maledettamente normale e anzi - aggiungerei - umano.

Insomma, questi 4 anni di silenzio e crescita sono stati quelli ancora più formativi per Maria Antonietta, che si siede e con calma scrive un disco bello, delicato e completo, da ascoltare tutto di seguito come una bella storia della buonanotte.

Must listen: Cara Ombra, Deluderti, E invece niente. 



Artista: Maria Antonietta
Titolo: Deluderti
Tracce: 9
Data di uscita: 30 marzo 2018
Etichetta: La Tempesta Dischi
Genere: Indie pop
Compra suAmazon

© Fiorella Vacirca

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS